EiaculazionePrecoce.org, sito sulla cura dell'eiaculazione precoce del prof. Alessandro G. Littara









Home / Parte III / L'uso degli antidepressivi nel trattamento dell'eiaculazione precoce

  • la cloripramina, il primo farmaco basato sul 5-HT è in uso dal 1973, ma l’incidenza degli effetti collaterali è molto elevata (5-15%)

  • i farmaci della categoria SSRI (inibitori selettivi del ricaptazione della serotonina) come  citalopram, paroxetina, sertralina, fluoxetina e fluvoxamina sono stati approvati per il trattamento della depressione negli anni ‘80

  • l’eiaculazione ritardata è un effetto secondario riconosciuto del trattamento della depressione con farmaci del tipo SSRI

  • i primi trials per il trattamento della eiaculazione precoce con SSRI sono stati condotti nel 1995 (sertralina, Mendels et al., 1995)

  • gli effetti sono stati misurati prevalentemente in termini di IELT, e non su altri parametri riportati dal paziente (controllo, soddisfazione, ansia)

  • nella maggior parte degli studi sono stati impiegati dosaggi cronici, non secondo necessità

    (fonti: Waldinger, Olivier, Current Opin Investig Drugs, 2004;5 – Montagne, Jarow, Broderick et al., Journal of Urology, 2004;172 – McMahon, Samali, Curr Opin Urol, 1999;9)

pagina aggiornata a lunedì 19 gennaio 2015
.: falloplastica
.: eiaculazione precoce
.: circoncisione
.: impotenza
.: infertilità
Vai alla sezione speciale: Eiaculazione precoce, istruzioni per l'uso.
App sull'impotenza, Download gratuito
Segui le news di Andrologia
Linea diretta con il prof. Alessandro Littara
note legali | condizioni di utilizzo del sito | area riservata | mappa del sito | rassegna stampa
© 2004-2017 eiaculazioneprecoce.org, tutti i diritti riservati | P.IVA: 01658220460 | sito aggiornato al 26/03/2015 | torna su | facebook activity

disclaimer: le informazioni fornite da questo sito intendono supportare, e non sostituire, la relazione
tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento